mar

26

nov

2013

26 novembre 2013 - Liste (2740m) - Valle Germanasca

Buongiorno ragazziiiii!! SVEEEEEGLLIIIAAAA si ricominciaaaa!! Riprendiamoci dal letargo estivo.

 

E come non farlo se non nel migliore dei modi e in una delle mie valli preferite?

 

A ottobre già scalpitavo dalla voglia di salire, ma l'alta pressione si è imposta per quasi tutto il mese portando temperature miti e assenza di precipitazioni sul NordOvest.

Con un inizio di Novembre ancora senza neve le speranze sembrano sfumare, ma un pò a sopresa una virata improvvisa al vortice polare ha fatto finalmente scendere una corposa depressione fredda nel cuore del Mediterraneo, causando nevicate anche intense sulle mie montagne, arrivando a portare 5cm davanti a casa mia a Reano.

 

Prendo un giorno di ferie e decido di andare in Val Germanasca e salire la Cima delle Liste (2740m). 

 

Parcheggiata l'auto in un tornante prima di Indritti calzo immediatamente la split e inizio a salire in un bosco da favola ammantanto di neve, splendido. La temperatura è bassa e l'assenza di vento rende ancora più silenzioso il bosco, si sente solo il rumore della mia split che procede su una bella traccia già fatta.

In questo paesaggio ovattato invernale i pensieri corrono a quando da ragazzino con la MTB percorrevo i sentieri che portavano alla Rocca Bianca e alla miniere di talco, famose nella zona. 

La salita procede benissimo, la neve è polverosa e non ventata e le pelli fanno una presa eccezionale. Il bosco è molto allungato in quota, sebbene mai 

 

fitto, complice l'esposizione favorevole del pendio ad ovest, beneficiando dell'irraggiamento diurno migliore e dei pendii non molto ripidi.

Purtroppo un inconveniente tecnico mi fa perdere del tempo: uno dei puntali è mezzo sganciato, complice il cedimento della vite così come mi era capitato all'ultima gita del Carro a Giugno, con qualche imprecazione riavvito il tutto e procedo anche se alla fine dovrò quasi in vetta ripetere l'operazione.

 

Il limite del bosco non finisce di netto, ma in modo assai graduale e appena gli alberi si fanno più radi, attorno ai 2000mt, si inziano a vedere finalmente le potenzialità della discesa, a dir poco eccezionale, con immensi plateau immacolati.

Il sole ora fa capolino dalla parte est della valle illuminando il percorso con un trionfo di contrasti e colori.

Quando il bosco finisce del tutto si apre un vallonetto secondario in direzione sud est, con la traccia che taglia il suo costone, qui la neve per ovvi motivi stagionali ancora non basta a copire gli enormi massi, i quali regalano un più austero paesaggio, illuminato da un sole ormai più alto e tiepido.

Con una virata più ripida raggingo la cresta spartiacque con la valle Cialancia ma il percorso ora è più accidentato e in cresta devo tribolare un pò a seguire il percorso. Ora il paesaggio si fa eccezionale con una magnifica vista sulla Pianura.

 

Dopo circa 200mt ecco l'ultima breve rampa dominata dalla cima, l'ultima fatica, sono in vetta..

 

Il paesaggio è stupendo, non c'è neppure una nuvola e la visibilità ha dell'incredibile, facendo ben attenzione si scorge il grattacielo della Regione 

 

Piemonte in costruzione a Torino e la Mole Antonelliana!! saranno distanti in linea d'Aria un 50/60 km. Inoltre si vedono chiaramente le Alpi della Lombardia! 

La sosta in vetta però non dura molto, qui un pò di vento c'è ed è gelido con una temperatura percepita inferiore ai -10.

Scatto quindi qualche foto e mi preparo per la discesa una decina di metri sotto la vetta in un posto riparato.

 

 

---------------------------------------------------------------------------------------------------------------------

 

Il meteo è stato splendido, nessuna nuvola per tutto il giorno, visibilità eccezionale, venti assenti a fondovalle, deboli con locali riforzi sulle creste di direzione settentriolale. Zero termico sui 1000m nelle ore centrali stazionario, isoterma -10 a 2300m in calo.

 

Innevamento leggermente superiore alla norma con circa 1 metro di neve abbondanti oltre i 1800/2000mt, 40/70cm a 1500m, neve non ventata!!

 

-------------------------------------------------------------------------------------------------------------------- 

 

Finalmente la discesa, dopo una scrupolosa preparazione..

Il primo tratto non è un gran che, un pò stretto e obbligato tra i rocconi alti e accidentati e sono stato costretto i primi 200mt a seguire la traccia della salita o poco di più. 

Non appena si giugne nel primo vallonetto già la musica cambia con un terreno decisamente più ampio anche se non ancora molto pendente, si scorre veloci puntando dritto verso un nuovo e più deciso cambio di pendenza. 

Da qui in poi inizia un autentico paradiso! Dinnanzi a me un immenso plateau immacolato, di centinaia di metri di dislivello, dapprima privo di vegetazione e poi con boschina rada. Tracce se ne contano su una mano e con la tavola ho firmato linee di assoluta qualità su di una neve polverosissima, farina 00, una libidine incredibile e anche inaspettata considerando il periodo. Molto belli anche i brevi saltini sui cambi di pendenza che diventavano sempre più frequenti appena il bosco iniziava a infoltirsi. 

L'ultima parte della discesa è nel bosco più fitto, mai troppo, dove la velocità inferiore è stata compensata da qualche pausa per ammirare la magia del bosco innevato.

La discesa l'ho conclusa in circa 40 minuti e sono arrivato fino al paese di Indritti con un ultimo border cross naturale molto divertente.

 

 

Concludendo direi che come prima gita niente male!

Cima nuova, ottima neve, salita agevole e discesa spettacolare....

 

-------------------------------------------------------------------------------------------------------------------- 

 

Dettagli GITA:

 

quota di partenza:           1610m

quota vetta:                     2740m

dislivello complessivo:      1130m

Difficoltà: MS

 

Voti personali:

 

Percorso: 8  (molto variegato e semplice)

Ambiente: 8 (Paesaggio da favola nei boschi ammantati di neve, stupenda vista sulla pianura in cima)

Salita:  7 (tranne la problematica tecnica del puntale..ottima traccia fino in cima, ho fatto un percorso leggermente diverso dal classico ma nulla di difficile)

Discesa: 8  (discesa nel complesso ottima, anche se la primissima parte non esaltante, parte intermedia da urlo)

Quantità neve: 7  (non male per fine novembre anche se lo spessore per ovvi motivi non è ancora corposo)

Qualità neve: 9  (polvere polvere e ancora polvere a tutte le quote ed esposizione!!)

Allenamento: 8 (nel complesso buono anche se in discesa accusavo un pò la salita con qualche piccolo crampo)

 

Generale:  8  (gran bella gita di inizio stagione)

 

----------------------------------------------------------------------------------------

.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.

Scrivi commento

Commenti: 0

  • loading

La dritta

Il tuo sito senza pubblicità?

Puoi con JimdoPro e JimdoBusiness!